BLADE – LA SERIE

CAST

Kirk Jones

Jill Wagner

Nelson Lee

Neil Jackson

Jessica Gower

Larry Poindexter

P. Lynn Johnson

Emily Hirst

John De Santis

Sahar Biniaz

Don Thompson

Origine: Usa

Ideazione: David S. Goyer dal fumetto omonimo della Marvel

Durata: una stagione per un totale di 13 episodi di 45’

TRAMA

Blade è un semi-vampiro diurno che riesce a controllare i suoi istinti nei confronti del sangue: infatti, anche a vederlo, riesce senza problemi a farne a meno. E’ nato da una madre umana che, in ospedale per partorire, è stata morsa da un vampiro ed è morta poco dopo averlo dato alla luce. Blade per questo, essendo nato metà vampiro e metà umano, sopporta la luce solare, ma il fatto di non essere un vampiro a tutti gli effetti attira su di lui l’odio dei sangue puro. Per vendicare la madre e per il fatto di non appartenere a nessuna delle due specie, Blade vuole sfruttare i propri poteri sovrannaturali per salvare l’umanità dalle forze demoniache vampiriche che girano nel buio della notte. Allo scopo fonda un’agenzia investigativa dove una collega, Krista Starr, ex-militare coinvolta nel combattimento contro i fanatici pipistrelli per vendicare la morte di suo fratello, lo aiuta a combattere i vampiri “cattivi”, che vogliono conquistare il mondo. Tra questi ci sono Marcus Van Schiver e Chase, la sua fidata compagna che lo segue in ogni avventura di potere sui vampiri. Marcus è alla ricerca di un vaccino che renda i vampiri immuni dalle loro debolezze, come l’aglio e l’argento, e cerca di infettare Krista per fare diventare anche lei una creatura demoniaca. Ma Blade le inietta immediatamente il siero che le mette sotto controllo la sua natura da vampira, facendola ingaggiare come infiltrata, a proprio favore e vantaggio, nell’organizzazione di Marcus stesso, perché carpisca informazioni utili per debellare quel siero. Infatti Marcus vorrebbe schiavizzare gli altri vampiri a suo nome impossessandosi di tutte le volontà. Intanto Charlotte, una ragazzina di dieci anni, vampira anch’essa e sangue puro, vede poco chiaro nei piani di Marcus, pur facendo parte della sua stessa famiglia, e per questo Van Schiver cerca di eliminarla. Verrà però uccisa da Blade, dopo che questa ha infettato un agente di polizia che l’aveva scambiata per una ragazzina in difficoltà, uccidendo poi anche il poliziotto per dargli pace. La sua ricerca a questo punto è ridotta ai minimi termini: Krista combatte contro la sua natura fino a uccidere Chase, la fidanzata di Marcus ch’egli stesso poi detestava in realtà, ma a questo punto Marcus le fa capire, con una presa brusca del suo collo, che era sempre a conoscenza del suo piano con Blade.

NOTE

Mandata in onda nel 2006, due anni dopo la fine della trilogia cinematografica, “Blade – La serie” (conosciuta anche come “Blade – La casa di Chthon”) è stata ideata e prodotta da David S. Goyer, sceneggiatore dei tre film nonché regista del terzo, e dai Marvel Studios e inizia poco dopo i fatti narrati in “Blade Trinity”. E’ tratta dall’omonimo fumetto della Marvel, la casa editrice americana che pubblica anche le avventure di Spiderman, degli X-Men, di Hulk, di Daredevil, degli Avengers e di moltissimi altri supereroi famosi in tutto il mondo.

L’episodio pilota, diretto da Peter O’Fallon è stato scritto proprio da Goyer insieme al famoso sceneggiatore di fumetti Geoff Johns.

Rispetto alla trilogia cinematografica, “Blade – La serie” presenta alcune differenze: non vengono ad esempio mai menzionate le cure contro il vampirismo che erano state usate sia nel primo “Blade” sia in “Blade Trinity”; in un episodio viene poi mostrato, in un flash-back, Whistler incontrare Blade quand’era un bambino, mentre in “Blade II” Whistler incontrava Blade la prima volta quand’era un adolescente; infine Blade dichiara nella serie che è stato lui a procurare la ferita alla gamba di Whistler, ma nel primo film egli dichiarava che furono i vampiri che uccisero la sua famiglia a rompergli la gamba. Sempre in merito a Whistler, il personaggio viene menzionato più volte nella serie e i flash-back che lo riguardano sono stati estrapolati dai tre film: appare anche quando è in giovane età e prende in custodia Blade.

Rispetto invece al fumetto originale della Marvel troviamo molti riferimenti: nel pilot vengono menzionati anche i lupi mannari, chiaro omaggio alla serie “Licantropus” e sempre nel primo episodio viene menzionato Marc Spector come cacciatore di lupi mannari, che altri non è che l’alter ego del supereroe Moon Knight. Invece il nome di Marcus Van Schiver è un omaggio al fumettista e amico di Geoff Johns, Ethan Van Sciver, mentre quelli dei vampiri Steppin’ Razor, Thorne e Damek sono ispirati a nemici realmente esistenti nel fumetto. Infine nel flash-back di un episodio vediamo un ragazzo donare al piccolo Blade una copia del fumetto della Marvel Comics “I Vendicatori” (o “Avengers” che dir si voglia) e Johns ha scritto veri numeri della serie.

I ruoli dei personaggi principali sono stati affidati ad attori che si erano visti poco in ruoli di genere. Kirk Jones, che interpreta il ruolo di Blade sostituendo Wesley Snipes, è meglio conosciuto con il nome d’arte di Sticky Fingaz ed è un rapper statunitense abbastanza famoso oltreoceano, facente parte del gruppo degli Onyx. Come attore ha recitato anche in “Leprechaun 6” e in “Cacciatori di zombi – House of the dead 2”.

Jill Jones invece ha lavorato anche in “Stargate Atlantis” e nel serial televisivo “Teen Wolf”, ispirato al film degli anni Ottanta “Voglia di vincere” con Michael J. Fox e incentrato sulle avventure di un liceale che scopre di essere un lupo mannaro.

Neil Jackson lo abbiamo visto anche in Stargate SG-1”, “Stargate Atlantis”, “Flash Forward” e presto sarà in “Vampyre Nation”.

Tra gli attori del cast più avvezzi al genere fantastico troviamo invece Larry Poindexter che ha preso parte a serial televisivi come “Ai confini della realtà”, “Invaders”, “Quantum Leap”, “Alf”, “Lois & Clark – Le nuove avventure di Superman”, “Weird science”, “Ultime dal cielo”, “Sabrina, vita da strega”, “Roswell” e “Supernatural”; John De Santis che ha interpretato vari ruoli sia in televisione sia sul grande schermo (“The new Addams Family”, “Stargate SG-1”, “Il viaggio dell’unicorno”, “Dark Angel”, “I 13 spettri”, “La regina delle nevi”, “Dead like me”, “Earthsea”, “Andromeda”, “Masters of horror”, “Flash Gordon”, “Supernatural”, “I cavalieri di Bloodsteel”, “Eureka”, “The Hole”, “Horror Movie”, “30 giorni di buio 2”, “Smallville” e il recente “C’era una volta”); Don Thompson che abbiamo visto in “X-Files”, “Poltergeist – The legacy”, “The new Addams Family”, “Oltre i limiti”, “Strange frequency”, “Taken”, “Smallville”, “Supernatural”, “Masters of horror”, “Stargate SG-1”, “Eureka”, “Battlestar Galactica”, “Watchmen” e “Cappuccetto rosso sangue” e P. Lynn Johnson che ha lavorato sia in serie tv (“Supernatural”, “X-Files”, “Oltre i limiti”, “Dead zone”, “Smallville”) sia al cinema (“Creature del terrore”, “Frequenze pericolose”, “Final destination”).

Davide Longoni