Racconti

PAESAGGIO VERCELLESE CON ZOMBI 10 - 16/04/2017

10. MARTEDI’ 26 GENNAIO 1994 (DAI CANALI) Il Panasonic trentapollici era acceso e vomitava immagini. Sandro ci stava davanti. Era sulla ...

PARLA COI MORTI 01 - 03/12/2017

“Che uno muoia, lo si può anche capire, ma che poi in tutti questi anni non abbia mai più fatto visita al padre, anche solo per pochi minuti, e no...

PARLA COI MORTI 02 - 10/12/2017

LO ZINGARO Intanto, mio padre s'era fermato davanti a una porticina tagliata nella pietra. - Qui, una volta, c'era la cella campanaria, angusta ...

PARLA COI MORTI 03 - 17/12/2017

BREVE INCONTRO - Si chiamava Luisa ed era la figlia del farmacista. Io avevo una ventina d'anni e sulla sua età preferisco sorvolare. Andava a scu...

PARLA COI MORTI 04 - 24/12/2017

VECCHI  EBREI Stavamo attraversando il paese in direzione del cimitero. - Ma, dimmi: secondo te, i tuoi compaesani di allora ce l'hanno fatta o...

PARLA COI MORTI 05 - 31/12/2017

CONTADINI SENZA SCAMPO - Ma per finire, qual è la sorte toccata ai tuoi compaesani? - Io non lo posso dire con certezza, perché, tra l'altro, ...

PARLA COI MORTI 06 - 04/02/2018

CIMITERO Ormai avevamo lasciato alle spalle le ultime case del paese e già i nostri passi risuonavano sulla ghiaia del viale antistante il cimiter...

PARLA COI MORTI 07 - 11/02/2018

BRUNO Avevamo superato il pesante cancello d'ingresso e mio padre mi conduceva lungo il muro di cinta, in cui erano infissi i loculi. Si fermò dav...

PARLA COI MORTI 08 - 18/02/2018

DISTRAZIONE FATALE Mio padre fece alcuni passi e m'indicò la foto d'un vecchio. - Questo è il piccolo fabbro o, come lo chiamava in dialetto l...

PATENTE DI VOLO PER PILOTI SPAZIALI - 10/09/2011

Lo  spazio  vuoto  scorreva veloce  attorno allo scafo  allungato dell’astronave,i  colori  delle stelle  si succedevano l’uno all’altro...