HEROES

CAST

Milo Ventimiglia

Hayden Panettiere

Jack Coleman

Masi Oka

Ali Larter

Zachary Quinto

David Anders

Chris Pine

Kristen Bell

Origine: Stati Uniti

Ideazione: Tim Kring

Durata: quattro stagioni per un totale di 78 episodi

TRAMA

In vari angoli degli Stati Uniti e non solo vivono persone di varia età e estrazione sociale, all’apparenza normali, ma in realtà dotati di poteri straordinari: la studentessa liceale e ragazza pon pon Claire Bennett può rigenerare qualsiasi ferita su se stessa, anche quelle mortali, il drogato Isaac Mendez può dipingere il futuro nei quadri, il poliziotto Mark Parkman legge nelle menti delle persone, la spogliarellista Niki Sanders possiede una forza sovrumana e può sdoppiarsi, il suo ex marito Hawkins può attraversare la materia solida, suo figlio Micah può influenzare i dispositivi elettronici, l’impiegato giapponese Hiro Nakamura può viaggiare nello spazio e nel tempo, il politico Nathan Petrelli può volare, suo fratello Peter, infermiere, può assorbire tutti i poteri degli altri heroes. I poteri di queste persone stimolano l’interesse di studiosi come il genetista indiano Mohinder Suresh, ma anche dell’ambiguo Gabriel Gray detto Sylar, anche lui dotato di poteri, può assorbire come Peter Petrelli, e deciso a eliminare tutti gli heroes loro malgrado.

La vicenda si si dipana tra uscite di scene e nuovi arrivi, come Maya, capace di creare virus mortali, Adam, guerriero ultracentenario che può rigenerarsi, Elle, che genera scariche elettriche, mentre i toni dello scontro tra chi vuole salvare il mondo ma vorrebbe anche vivere la sua vita semplicemente e chi vuole speculare sui super poteri diventano sempre più forti.

NOTE

Heroes si rifà al tema dei supereroi dei comics americani, creando però un nuovo universo che non ha nulla a che vedere con fumetti esistenti (come invece succedeva in Smallville con Superman) e che ha dato vita poi ad una serie di fumetti ispirati alla serie.

Ogni stagione di Heroes rappresenta una storia unica che si dipana in vari episodi, per cui è molto difficile se si perdono dei pezzi tirare le fila. Heroes appartiene a quei telefilm, da Buffy a Lost, che non sono più costruiti con la classica struttura del serial americano ad episodi a se stanti con una cornice narrativa fissa minima, ma che sono eredi del feuilleton classico o dello sceneggiato.

Heroes segue inoltre lo schema di Lost, di cui è stato visto da molti come un prodotto derivato minore, seguendo varie storie in parallelo, anche lontane nello spazio, che si intersecano saltuariamente, e non un nucleo fisso di personaggi che vivono vicini, come avveniva in Star Trek, X-Files e Buffy.

Interessante la scelta di aver introdotto personaggi sia di etnie diverse che non sono la solita afro-americana, come Mohendir Suresh e Hiro Nakamura, e personaggi che svolgono vite e lavori non proprio raccomandabili e patinate, come il drogato Isaac e la spogliarellista casalinga Niki.

Zachary Quinto, interprete del perfido e ambiguo Sylar, ha alle spalle un lungo curriculum come interprete di telefilm ed è il nuovo Spock da giovane nel reboot di Star Trek. Ha creato scalpore ma anche tanti consensi il suo coming out da omosessuale per combattere il bullismo omofobico nelle scuole.

Heroes è pieno di citazioni di fumetti, telefilm e film celebri, da Ritorno al futuro a Le bizzarre avventure di Jojo, da Star Trek a X-Men, e ci sono comparsate di attori celebri del mondo del fantastico, da Nichelle Nichols dell’universo trekkiano a Malcolm Mc Dowell di Arancia meccanica.

Heroes, oltre ai fumetti, ha avuto un merchandising fatto di action figures, libri, videogiochi e una rivista ufficiale, rimasta però in ambito statunitense.

Elena Romanello