EASTWICK

CAST

Rebecca Romijin

Lindsay Price

Jaime Ray Newman

Paul Gross

Sarah Rue

Ashley Benson

Veronica Cartwright

Cybil Shepard

Origine: Stati Uniti

Ideazione: Maggie Friedman

Durata: una stagione di 13 episodi

TRAMA

Nella cittadina del New England Eastwick, legata ad antiche tradizioni stregonesche che risalgono ai processi di Salem di fine Seicento, vivono tre donne, molto diverse tra di loro: Roxanne è una scultrice disinibita con figlia adolescente, Joanna è una cronista timida e impacciata, Kat è un’infermiera che porta su di sé il peso della sua numerosa famiglia, cinque figli, perché il marito non lavora.

Un giorno arriva a Eastwick Darryl Van Horne, ricco uomo d’affari affascinante che in un modo o nell’altro manipola le vite delle tre protagoniste che diventano nel frattempo amiche e scoprono di avere poteri magici: Roxanne inizia ad avere visioni premonitrici, Joanna riesce a influenzare le azioni delle persone che ha di fronte, Kat controlla gli elementi.

Ma su Van Horne girano strane voci, c’è chi l’avrebbe già adocchiato vent’anni prima, quando era venuto a Eastwick e aveva sconvolto le vite di altre donne, tra cui Bun, la bizzarra zia di Roxanne, ed Eleanor Rougemont, che vive isolata in una villa in mezzo alla foresta. Tra l’altro, fatto inquietante, non è invecchiato di un giorno.

Roxanne, Kat e Joanna si trovano a dover fronteggiare sorprese, eventi e drammi, tra morti improvvise, misteri da risolvere e un Van Horn sempre più presente ed essenziale alle loro vite.

NOTE

Eastwick è ispirato al lungometraggio anni Ottanta Le streghe di Eastwick, tratto dall’omonimo romanzo di John Updike. Le tre protagoniste riecheggiano in qualche modo quelle originali, il personaggio più simile è quello di Roxanne, che si richiama a Cher, mentre Kat e Joanna risultano un misto ciascuna tra i personaggi di Susan Sarandon e di Michelle Pfeiffer: la timida e inibita che fa la giornalista e la mamma di famiglia numerosa.

Ci sono alcune analogie alla serie Streghe, e nella scelta dei poteri delle protagoniste e nelle dinamiche che si creano negli episodi, dove il soprannaturale irrompe in un contesto iperrealistico da cittadina di provincia patinata.

Il posto scelto per le location è la stessa cittadina dove si svolgeva il telefilm Gillmore girls, da noi Una mamma per amica, qui resa più dark e inquietante per i diversi toni richiesti.

Più che un remake Eastwick potrebbe essere visto come un seguito de Le streghe di Eastwick: infatti dà per intendere che ci sia stata una prima visita di Van Horn nella cittadina, durante la quale irretì già tre donne, che forse lo uccisero, e torna dopo oltre vent’anni per scopi che rimangono per molto tempo segreti.

Eastwick è il terzo e al momento più riuscito tentativo di trarre una serie televisiva dall’omonimo film: si era provato nel 1992 e poi nel 2002, con tra l’altro una delle streghe interpretata dalla futura casalinga disperata Marcia Cross. In entrambi i casi la bocciatura era stata immediata, stavolta ha avuto almeno il tempo di una stagione.

Per alcuni Eastwick è un misto tra Desperate housewives e Streghe, e questo spiegherebbe un risultato non eccezionale, bocciato da chi, appassionato di una o entrambe le serie, non ha gradito molto un misto indigesto. In realtà gli ascolti non sono stati male, le motivazioni dietro la cancellazione prematura di una serie che mescola horror, commedia, paranormale, femminismo e stregoneria sono state altre.

Rebecca Romijn è un volto non nuovo agli appassionati di fantastico: era Mystique nella serie degli X-Men e Joan in “The Punisher”.

Anche la veterana Veronica Cartwright non è un volto nuovo: era nel film originale, dove interpretava una bigotta del paese che veniva punita da Susan Sarandon, ma dopo aver debuttato da ragazzina ne Gli uccelli di Hitchcock, era nel cast anche de L’invasione degli ultracorpi (1978), di Alien ed è stata la moglie dell’Uomo che fuma nella saga di X-Files.

Elena Romanello